Il ritorno dell'uomo con la scopa

Il più grande di tutti alla fine ha parlato. Arnold Schwarzenegger, pur con tutte le differenze che lo distinguono da George W. Bush, ha tenuto il suo discorso alla convention repubblicana. Si dice ci abbia lavorato su per un paio di mesi. Ad ogni modo, leggerlo è uno spasso. Ci sono cose come: «Grazie per l’accoglienza. Sembra quasi di essere alla premiazione degli Oscar… Come se io sapessi cosa vuol dire». O ancora: «Un mio film si chiamava “True lies”, ecco come doveva chiamarsi la convention democratica». Governator ha raccontato della sua infanzia, della sua famiglia che non poteva permettersi un’auto e di quanto l’America gli abbia dato. Poi, ha spiegato cosa vuol dire per lui essere repubblicani:

If you believe that government should be accountable to the people, not the people to the government…then you are a Republican! If you believe a person should be treated as an individual, not as a member of an interest group… then you are a Republican! If you believe your family knows how to spend your money better than the government does… then you are a Republican! If you believe our educational system should be held accountable for the progress of our children … then you are a Republican! If you believe this country, not the United Nations, is the best hope of democracy in the world … then you are a Republican! And, ladies and gentlemen …if you believe we must be fierce and relentless and terminate terrorism … then you are a Republican! There is another way you can tell you’re a Republican. You have faith in free enterprise, faith in the resourcefulness of the American people …and faith in the U.S. economy. To those critics who are so pessimistic about our economy, I say: Don’t be economic girlie men!

USAToday