Dalla concertazione al concerto

Festa del lavoro. Tanto vale rileggere il pezzo che Pietro Ichino, dati alla mano, ha scritto sul Corriere qualche giorno fa: la Legge Biagi (o legge 30, se volete) non ha fatto aumentare il precariato. Anzi i contratti a termine negli ultimi cinque anni sono rimasti sostanzialmente stabili.

Resta da chiedersi perché il precariato sia oggi percepito diffusamente come problema più grave rispetto al passato, visto che la statistica non ne conferma un aumento complessivo rilevante. È ben vero che, secondo gli ultimi dati forniti dalla Banca d’Italia, di coloro che sono passati dal non lavoro nel 2004 a un lavoro dipendente o autonomo nel 2005, il 40,5% l’ha trovato nella forma del contratto a termine, del lavoro interinale o del lavoro a progetto: percentuale che era andata lentamente crescendo negli ultimi anni. Ma se la quota complessiva di quei contratti di lavoro precario resta contenuta ben al di sotto del 20% del totale, questo significa che in due casi su tre (se non tre su quattro) essi si trasformano abbastanza rapidamente in lavoro a tempo indeterminato.

Corriere della Sera